I motivi che hanno fatto della Cina il più grande mercato dell'oro

In base ai dati forniti dal WGC (World Gold Council) nel 2013 la domanda di oro nel settore privato in Cina è arrivata al livello record di 1.132 tonnellate e, sempre secondo il WGC, è prevista un'ulteriore crescita di tale domanda del 20% fino al 2017.

In passato il paese del dragone non aveva un ruolo di tale importanza nel mercato dell'oro. Quali sono stati allora i motivi di questa crescita?

In base ai dati forniti dal WGC (World Gold Council) nel 2013 la domanda di oro nel settore privato in Cina è arrivata al livello record di 1.132 tonnellate e, sempre secondo il WGC, è prevista un'ulteriore crescita di tale domanda del 20% fino al 2017.

In passato il paese del dragone non aveva un ruolo di tale importanza nel mercato dell'oro. Quali sono stati allora i motivi di questa crescita?

Uno degli aspetti più importanti riguarda l'ascesa negli ultimi anni di una nuova classe media sostenuta da redditi più alti rispetto al passato il che ha portato non solo ad una crescita del PIL ma anche ad un aumento degli acquisti di gioielli e monete d'oro e ad una crescita delle domanda di investimenti in oro. Dal 2004 ad oggi il volume dell'acquisto di oggetti in oro in Cina è triplicato tanto che nel 2013 è diventato il più grande produttore/consumatore di gioielli al mondo.

La crescita della domanda di oro non si spiega esclusivamente con la crescita del potere d'acquisto della classe media cinese. Sebbene non sia trascinante come la domanda di gioielli anche la domanda industriale ha giocato infatti un ruolo molto importante, in particolar modo per quanto riguarda il settore elettronico.

Anche se si sta cercando, in questo settore, di sostituire l'oro con mtariali più economici al momento non esiste ancora una reale alternativa in termini di prestazioni e sicurezza.

L'ultimo, non per importanza, aspetto che ha concorso a fare della cina il più importante mercato mondiale dell'oro è l'allontamento della Cina dal dollaro.

In passato il Governo di Pechino aveva utilizzato il dollaro per acquistare titoli di stato americani ma a causa della crisi economica mondiale e l'inizio del quantitative easing portato avanti dalla FED la situazione è cambiata. Dal 2000 ad oggi il dollaro è sceso dalo 55% all 33% della riserva di valute estere della Cina e si prevede che nel 2020 possa scendere ulteriormente a quota 20%. La volontà della Cina di diversificarsi dal dollaro la porta verso l'investimento in oro in quanto hard hasset e questo è uno dei motivi che ha portato la Banca Popolare Cinese ad aumentae in maniera considerevole le proprie riserve d'oro.